menu di scelta rapida

torna al menu di scelta rapida

News

Il Presidente Mattarella in visita di Stato in Canada

Il Presidente Mattarella in visita di Stato in Canada
Ottawa, 28.06.2017 - Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Primo Ministro del Canada Justin Trudeau al Parliament Hill

Il viaggio del Presidente della Repubblica Mattarella in Canada ha saldato una relazione cresciuta nel tempo su valori e obiettivi comuni

I rapporti tra Italia e Canada hanno sempre dimostrato una comunione di intenti ed un legame storico ed intenso, oggi rafforzato dal clima di incertezza creato dal Presidente statunitense Donald Trump e dall’avvicinamento del Canada all’Europa. È in questo rinnovato e più profondo clima di amicizia che si è tenuta, dal 26 al 30 giugno, la visita istituzionale del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella in Canada: un viaggio ricco di appuntamenti importanti e stimolanti per il nostro paese, che hanno espresso la vicinanza e l’affiatamento tra due popoli e le rispettive compagini politiche.

Il viaggio del Presidente in Canada ha dimostrato l’interesse dell’Italia a mantenere il legame con un paese che intende la politica come un mezzo per realizzare obiettivi in favore dell’umanità, dell’innovazione e dello sviluppo economico, valori di profonda condivisione culturale e politica.

La visita di Stato del Presidente Mattarella è stata programmata in occasione e in coincidenza di alcune importanti ricorrenze, come il 150° anniversario  della nascita del Canada, il 70° anno di relazioni diplomatiche bilaterali tra Italia e Canada ed il passaggio del testimone per la Presidenza del G7.

L’Europa guarda con sempre maggiore entusiasmo al giovane Primo Ministro canadese Justin Trudeau e l’Italia può certamente ritagliarsi un ruolo di interlocutore chiave tra il Canada e l’Europa, a favore di una cooperazione volta a controbilanciare i futuri squilibri mondiali ed avviata dalla firma di due importanti trattati internazionali, il Comprehensive Economic Trade Agreement (CETA) e lo Strategic Partnership Agreement (SPA). Come lo stesso Mattarella ha sottolineato «Italia e Canada condividono l’impegno su diverse sfide, come la lotta ai cambiamenti climatici e la promozione di un’economia e di un commercio internazionale liberi ed equi. Le più recenti testimonianze sono il rinnovo degli accordi di Parigi e l’avvio del processo di ratifica in Italia del trattato di libero scambio tra Canada ed Europa (CETA)».

Numerosi gli incontri istituzionali e collettivi organizzati per il Presidente che  ha potuto apprezzare il vasto territorio canadese, le sue diversità, da Ottawa a Montréal, da Toronto a Vancouver. In ciascuna di queste città, accompagnato dal Sottosegretario agli Affari Esteri, Benedetto Della Vedova, ha incontrato le più alte cariche politiche delle principali province canadesi: il Governatore Generale del Canada, David Johnston; il Primo Ministro canadese, Justin Trudeau; il Primo Ministro del Québec, Philippe Couillard; il Primo Ministro dell’Ontario, Kathleen Wynne ed il Governatore della British Columbia, Judith Guichon. Durante gli appuntamenti istituzionali, il Presidente Mattarella ha ribadito fortemente la visione che l’Italia ha del Canada: un alleato prezioso per affrontare le difficili sfide che si è chiamati a sostenere e, fra tutte, la questione migratoria, con la convinta condivisione di principi comuni che sono espressione di modelli sociali aperti ed inclusivi, traducendo tali principi in azioni concrete in favore dei più vulnerabili e considerando la diversità come un arricchimento. «Una società aperta» ha detto Mattarella, «si caratterizza anche per il coraggio di fare delle scelte».

Le relazioni tra Italia e Canada hanno sempre espresso gesti di vicinanza ma quest’anno i rapporti diplomatici tra i due paesi si sono indubbiamente stretti: il viaggio di Mattarella arriva infatti dopo la visita istituzionale del Premier italiano Paolo Gentiloni in Canada e del Premier canadese in Italia, avvenute rispettivamente ad aprile e maggio, un tour istituzionale che esprime un forte segnale di amicizia e  vicinanza politica, culturale ed economica.

Le tappe della visita di Stato del Presidente Mattarella in Canada

Ad Ottawa, presso la residenza ufficiale dei rappresentanti della monarchia in Canada Rideau Hall, Mattarella è stato ricevuto dal Governatore generale ed ha deposto una corona come omaggio al Monumento dei Caduti, per poi farvi ritorno in serata per un ricevimento offerto dal Governatore stesso. Gli incontri collettivi con le comunità italiane in Canada sono stati pianificati ad ogni tappa del viaggio.

Il 28 Giugno – secondo giorno di permanenza in Canada – il Presidente Mattarella si è trasferito a Parliament Hall, dove si è intrattenuto con il Primo Ministro canadese Trudeau ed ha incontrato gli speaker di Senato e Camera dei Comuni. Il viaggio è proseguito alla volta di Montréal, per sostenere un colloquio con  il Primo Ministro del Québec e interagire con la comunità italiana in loco, per poi salpare a bordo di una nave simbolo della Marina Militare italiana, l’“Amerigo Vespucci”, attraverso la quale la Repubblica Italiana ha voluto rendere omaggio ai 150 anni del Canada (inserire link all’articolo dedicato) con l’attracco nei porti di Halifax, Montréal e Québec.

Volato a Toronto, il Presidente della Repubblica è stato accolto da Sergio Marchionne, amministratore delegato della FCA con origini canadesi; la sua carriera manageriale ha preso avvio proprio in Ontario, dove ha maturato una profonda conoscenza della realtà industriale locale alla cui scoperta ha guidato il Presidente, non trascurando la presenza della comunità italiana, impegnata e perfettamente integrata nel contribuire allo sviluppo del paese. Da segnalare anche la visita presso il Centro Organizzativo Scuole Tecniche Italiane che, da oltre sessant’anni, offre servizi sociali alle comunità di emigranti e l’incontro, all'Art Gallery of Ontario, con la più numerosa collettività italiana che conta più settantamila iscritti all'AIRE.

A Vancouver, British Columbia, si è concluso il programma del viaggio presidenziale, con le visite presso il Centro di Ricerca Triumf, laboratorio nazionale canadese per lo studio delle particelle e della fisica nucleare e il Centro Culturale Italiano per incontrare la Collettività italiana della città.