menu di scelta rapida

torna al menu di scelta rapida

News

Regione Emilia Romagna: formazione su sicurezza alimentare e export in Nord America

Regione Emilia Romagna: formazione su sicurezza alimentare e export in Nord America

L’audit formativo sulla normativa US FDA, tenuto dalla Euroservizi Impresa per la Regione Emilia Romagna, è stata l’occasione per il Centro Studi Italia Canada per presentare la riforma canadese in materia e il nuovo sistema per veder tutelare le IG europee.

 

Dal 20 al 22 Febbraio scorso si è svolto a Bologna, organizzato dalla Regione Emilia Romagna e tenuto da Claudio Gallottini di Euroservizi Impresa, partner di ITA Group, il corso di formazione, valido ai fini del mantenimento della competenza di auditor qualificato su “Export USA, la normativa FDA”.

In apertura del ciclo di seminari è stato chiamato ad intervenire Paolo Quattrocchi, direttore del Centro Studi Italia Canada (CSIC), vice presidente della Camera di Commercio Italiana in Canada Ovest e partner Nctm Studio Legale che, in considerazione dell’entrata in vigore della nuova normativa canadese in materia di sicurezza alimentare, ha voluto rappresentare le importanti novità, con le relative ricadute per gli esportatori italiani, introdotte dalla Safe Food for Canadians Regulations (SFCR).

 

 

 

LE NORMATIVE DI SICUREZZA ALIMENTARE ADOTTATE DAL CANADA

 Il CSIC si è occupato in più occasioni della normativa (La Sicurezza Alimentare in Canada; Food Eximport: le normative di sicurezza alimentare adottate dal Canada; Sicurezza Alimentare in Canada, cosa cambia dal 2019. Intervista a Noemi Trombetti) evidenziandone la rilevanza, sia per l’entità delle modifiche apportate all’impianto normativo, sia per la loro rilevanza ai fini della maggior tutela dei consumatori, argomento questo sul quale si è fortemente concentrata l’attenzione, anche in chiave critica, sul CETA.

È proprio in vista della entrata in vigore del CETA e agli stimoli che da esso sono derivati, che il Canada ha adottato la nuova normativa che ha razionalizzato il sistema normativo fino ad oggi esistente, elevando gli standard di qualità.

Il forte interesse dato dal Canada all’implementazione della normativa, entrata in vigore a metà di gennaio 2019, all’esito di un lungo e complesso percorso, è stato immediatamente confermato dalle richieste di accesso svolte dall’Autorità Canadese, che proprio in questi giorni è in Italia in un tour che ha visto sottoposte a verifica numerose aziende italiane esportatrici di prodotti agroalimentari.

Gli ottimi risultati del CETA rendono il paese nordamericano una meta sempre più attraente per gli esportatori italiani. Il corso di formazione sul nuovo regolamento sulla sicurezza alimentare (FSMA) della Food and Drug Administration degli Stati Uniti (FDA) è stata dunque l’occasione per completare il quadro normativo nordamericano con un approfondimento sulla legislazione canadese in materia, ispirata proprio dalla normativa USA.

 

LE INDICAZIONI GEOGRAFICHE EUROPEE IN CANADA

 

La Regione Emilia Romagna, nell’ambito del CETA, ha visto riconosciute 12 Indicazioni Geografiche:  7 DOP (Aceto Balsamico Tradizionale Modena, Culatello di Zibello, Parmiggiano Reggiano, Grana Padano, Prosciutto di Parma, Prosciutto di Modena, Provolone Valpadana)  e 5 IGP (Aceto balsamico Modena, , Cotechino Modena, Mortadella Bologna, Pesca e Nettarina di Romagna,  e Zampone Modena), corrispondenti al 92%  dell’export della Regione Emilia Romagna in Canada, per un valore complessivo di export superiore a 106 milioni di euro a fine 2017 con un tasso di crescita del 14,3% sul 2016 e di un ulteriore 6% per i primi mesi del 2018.

 

Vista la centralità nell’ambito dell’agrifood italiano del tema delle IG e della loro tutela, sono stati il focus della seconda parte dell’intervento del direttore del Centro Studi Italia Canada. Con l’entrata in vigore del CETA e la conseguente attuazione dell’open system, le IG non ricomprese nell’Annex 20 del CETA e in generale non canadesi (tra cui, ovviamente, quelle europee), interessate a ricevere il riconoscimento come IG dall’ordinamento canadese, con tutela analoga a quelle incluse nell’elenco del CETA, possono ottenere la registrazione, con relative tutele, e godere quindi di un regime di protezione qualificato, in nulla diverso da quello garantito dal CETA. L’introduzione nella legislazione canadese del sistema descritto nell’intervento dall’avvocato Paolo Quattrocchi conferma gli sforzi del Canada in direzione dell’adeguamento del proprio sistema normativo di settore a quello europeo allo scopo di favorire la concreta implementazione del CETA, aderendo quindi allo schema di protezione delle IG per i prodotti agroalimentari fino ad oggi sconosciuto in Canada (se non per le bevande alcoliche).

 

A oltre un anno dall’entrata in vigore del CETA, per gli imprenditori italiani in generale e della Regione Emilia Romagna in particolare, il bilancio è positivo. Gli stretti legami che uniscono la Regione Emilia Romagna al Canada sono testimoniati, oltre che dall’interesse e dal successo delle aziende locali nell’export verso il Canada, anche dalla delegazione di imprenditori dell’Emilia Romagna, guidata  dall’assessore all’Agricoltura Simona Caselli, che nel 2018 ha visitato le principali città canadesi dove si concentra la diffusione dei prodotti di qualità italiana.

 

L’auspicio è che le nuove normative, in particolare quella sul riconoscimento delle IG, inducano i produttori italiani che non hanno visto riconosciute le proprie IG tramite il CETA, a non lasciare il mercato del Canada e utilizzino invece la normativa interna canadese per ottenere le garanzie e le tutele delle proprie IG al pari delle altre riconosciute dal CETA. Ad oggi, solo una IG italiana, Prosciutto di Carpegna, ha utilizzato la nuova procedura, ottenendo con una spesa esigua e in tempi rapidi (6 mesi) la registrazione.

L’attuale congiuntura economica, caratterizzata da una generalizzata contrazione degli scambi, dovrebbe indurre le Istituzioni e gli imprenditori italiani a guardare con favore al mercato canadese, sempre più vicino all’Europa, sia con riferimento alla tutela della proprietà intellettuale, sia al cruciale snodo della sicurezza alimentare.

 

ITA GROUP è una società di consulenza specializzata in formazione sulla sicurezza alimentare, ispezione e controllo, si sta impegnando per essere ampiamente riconosciuta come leader indiscusso della sicurezza alimentare.

Forniamo servizi di consulenza e formazione completi e continui su SFCR-FSMA e in Europa per i vostri dipendenti in modo che tutti possano contribuire al vostro successo verso la sicurezza alimentare.

La nostra rete di consulenti e consulenti indipendenti consente a ITA GROUP di fornire servizi completi di consulenza, formazione e auditing alle industrie di integratori alimentari, prodotti farmaceutici, alimentari, dispositivi medici, tabacco e cosmetici in Canada, USA e UE.

I nostri auditors metteranno alla prova il vostro attuale sistema di sicurezza alimentare per garantire la piena conformità alle nuove normative Safe Food for Canadians (SFCR), FSMA e pacchetto europeo di igiene.

Con una vasta esperienza nella sicurezza alimentare, ITA GROUP è la scelta comprovata per assistenza, ispezione, formazione, auditing e altre

Claudio Gallottini Food Safety Expert,

ITA Corporation

questioni normative.                                                                                    

itagroupca.com

 

 

ABOUT EUROSERVIZI IMPRESA

EUROSERVIZI IMPRESA SRL (ESI) è una società di consulenza leader a livello europeo sulla Sicurezza Alimentare la cui attività consiste nella gestione degli obblighi di legge delle PMI europee anche in ambiti differenti quali la Sicurezza sul Lavoro e la Privacy. 

ESI è la prima società di consulenza europea riconosciuta come riferimento dal mercato USA, qualificata per la formazione su tutti i nuovi regolamenti introdotti dal FSMA (Food Safety Modernization Act) con quattro Lead Instructors interni e con all’interno del proprio staff uno dei Trainer of Trainers (ToT) in Europa per i Preventive Controls for Human Food, docente inoltre, della prima Better Process Control School Italiana della GMA SEF USA per i Canned Food, Trainer del NEHA USA, Train the Trainers della International HACCP Alliance, e Membro Associato del CIEH UK per la formazione HACCP in Gran Bretagna (livello I, II, III, IV).

euroservizimpresa.com